Quarto incontro Transizione Interiore: la Comunicazione carismatica

Procedendo sempre nel nostro lavoro sulla transizione interiore, alcuni di noi hanno espresso le grandi difficoltà che riscontrano quando cercano di spiegare le tematiche sulla transizione ad amici e conoscenti: il rischio di essere fraintesi, poco capiti e di sembrare un pò “folli” è sempre in agguato.
Da questo è nata l’esigenza di cercare e trovare insieme un metodo per facilitare il nostro comunicare con gli altri.

Ed è qui che John Croft è intervenuto, senza saperlo, in nostro aiuto: nel mese di gennaio infatti, con Massimo e Silvia abbiamo partecipato a Fenegrò (Como) al seminario sull’Empowered Fundraising tenuto dal mitico e carismatico John.
Tema principale del seminario era il modo di trasformare il nostro rapporto con il denaro: passare da un rapporto vincitore/perdente, di “tu o io” a quello di “tu e io”, impegnati insieme in uno scopo produttivo comune.

A tal fine John ci ha insegnato un nuovo modo di comunicare e parlare con le persone: LA COMUNICAZIONE CARISMATICA.

Abbiamo dunque organizzato una riunione del gruppo “Ttransizione Interiore” la sera di martedì 19 aprile 2011 per mostrare questa modalità agli altri, provando a praticarla tra di noi dividendoci in coppie.

Si può riassumere la modalità di questa tecnica in modo piuttosto semplice: prima di iniziare a parlare, ognuno sceglie che tipo di “presenza” vuole trasmettere ponendo attenzione alla pancia; ad esempio, forza, entusiasmo, saggezza, simpatia, ecc. Dopodiché si entra nel vivo del discorso: colui che parla deve posizionare entrambi i piedi bene al suolo, fare alcune respirazioni per sciogliere eventuali tensioni a livello di schiena e cervicale, concentrare la respirazione e i pensieri, portarli dalla testa alla pancia.
Fatto ciò, il relatore inizierà a guardare i presenti e ad immaginarli ognuno circondato da una bolla di vetro, pensando di abbracciarli tutti insieme con la propria bolla.

Mentre ognuno di noi praticava la comunicazione carismatica, ci siamo subito resi conto che il nostro tono di voce era diverso, la parlata più lenta, il discorso più chiaro e strutturato, lo sguardo più concentrato . Notavamo tutti che le parole quasi uscivano da sole, senza che dovessimo concentrarci troppo.

Del resto John Croft ci ha insegnato che quando parliamo non dobbiamo aver paura nè di dire cose sbagliate, nè ogni tanto di fare qualche lunga pausa: il silenzio ha un potere comunicativo straordinario.

E’ stata una bellissima esperienza e sono felice di aver avuto l’occasione di praticare la comunicazione carismatica con gli amici del gruppo transizione interiore,.
Un grande grazie a Massimo e Silvia per averci ospitati nei loro uffici.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: